Autoproduzione Il Sottovoce, giugno 2010, leggi qui l’opuscolo30 giugno.pdf

A distanza di 50 anni dal 30 giugno 1960, quando il popolo di Genova insorse contro l’organizzazione del Congresso nazionale del Msi, è tempo di restituire alle possibilità del presente una lettura del carattere originale di una rivolta che fu di massa, spontanea e radicale. Nell’auspicabile prospettiva di rivolte a venire che, come allora e sempre, continueranno ad arrivare improvvise e inaspettate, è tempo di riappropriarsi del senso di un evento che non può essere spiegato, né tantomeno rivendicato, soltanto con la retorica della Resistenza e dell’antifascismo, come provano a fare oggi quei “sinistri” che allora (come quarant’anni dopo, sempre a Genova, al g8 del 2001) tentarono di bloccare l’azione dei ribelli, calunniandoli come teppisti, provocatori, teddy boys.